Risotto allo zafferano con finocchi

Un risotto semplice, delicato ma dal gusto veramente interessante. Provatelo quando avete ospiti ed il figurone sarà assicurato.

risotto zafferano e finocchiDifficoltà: Facile

Preparazione: 5 minuti

Cottura: 20 minuti

Dosi per: 6 persone

Costo: Medio


Ingredienti (1):

500 g di riso – 2 finocchi di media grandezza – 1 lt di brodo vegetale – 1 scalogno – 1/2 bicchiere di vino bianco secco – 1 bustina di zafferano – erba cipollina – olio evo – parmigiano grattugiato – sale e pepe q.b.

Processed with Moldiv

Pulite, lavate e tagliate in piccoli pezzetti i finocchi (2). Mettete in una pentola poco olio d’oliva con lo scalogno tagliato finemente (3). Quando lo scalogno sarà appassito, unite i finocchi precedentemente tagliati, salate, pepate e lasciate insaporire per qualche minuto mescolando spesso (4). Versate il vino, lasciate evaporare, continuando la cottura dei finocchi aggiungendo un pò di brodo (5). Quando i finocchi risulteranno ben cotti ma non troppo sfatti aggiungete il riso, lasciatelo tostare per un paio di minuti e proseguite la cotture aggiungendo del brodo di tanto in tanto (6). A pochi minuti dal termine della cottura aggiungete lo zafferano e mescolate energicamente (7). A cottura ultimata mantecate con del parmigiano grattugiato fuori dal fuoco. Mettete il vostro risotto in un piatto da portata, date una spolverata con dell’erba cipollina tritata molto finemente e servite ancora caldo (8). Buon appetito!

Consiglio dello chef: Cercate di mantenere il vostro risotto il più cremoso possibile anche durante la cottura, aggiungendo sempre poco brodo per volta.

Curiosità: Lo zafferano è uno dei prodotti più straordinari nel mondo della cucina italiana ed internazionale. Basti pensare che solitamente per raccogliere 150 mila fiori di zafferano, servono ben 50 ore di lavoro, da cui si può trarre 1 solo kg di prodotto utilizzabile in cucina.

Questa voce è stata pubblicata in Diego, Primi, Ricetta vegana/vegetariana e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *