Risotto al tartufo mantecato al tomino

Dal sapore forte e deciso, il risotto al tartufo è un piatto coinvolgente. La presentazione che vi propongo oggi è molto sfiziosa, stupirà i vostri commensali. Lascierete tutti a bocca aperta. Ottimo piatto per S. valentino, leggete il perché nelle curiosità in fondo alla ricetta. 

risotto al tartufoDifficoltà: Facile

Preparazione: 10 minuti 

Cottura: 18 minuti

Dosi per: 2 persone

Costo: Alto

 

 

 

 


 

Ingredienti(1):

• 200 gr di riso • porro • olio evo  • 2 tomini  • ½ bicchiere di vino bianco secco • brodo di carne   • tartufo nero (io avevo quello sott’olio) • sale • prezzemolo

collage risotto

Per il brodo di carne, ho sfruttato la preparazione del vitello tonnato che ho cucinato ìn precedenza, vi consiglio di filtrare il brodo per cucinare il vostro risotto. Soffriggete poco porro tagliato finemente(2) tostate il riso avendo cura di non bruciare nessun chicco(3), sfumate con il vino bianco a fiamma vivace e mescolando velocemente(4), coprite il riso con il brodo e continuate a cuocere per il tempo di cottura del riso, circa 18/20 minuti (5). Ricordatevi di non far asciugare mai il riso, aggiungendo il brodo poco per volta. Tagliate la parte superiore del tomino e scavate la parte centrale formando un piccolo contenitore (6), mettete da parte il contenuto del tomino che mescolerete con il tartufo(7)(le quantità di tartufo variano a seconda dei gusti).Quando il risotto sarà pronto mantecate con il composto di tomino e tartufo ricordando di spegnere il fuoco e facendo sciogliere completamente il tomino. Impiattate mettendo il tomino al centro del piatto, riempitelo di riso e appoggiate delicatamente il coperchio del tomino sopra al riso, decorate con un po’ di tartufo e spolverate con il prezzemolo.

Consiglio dello chef: aspettate un minuto prima di servire, il calore del riso scioglierà leggermente il tomino/contenitore, così che al palato risulti tutto più omogeneo.

Curiosità: le sostanza emanate dal tartufo possono provocare un particolare stato di benessere ed avere un effetto afrodisiaco.

Cosa bevo: Dolcetto delle Langhe Monregalesi DOC

 
Questa voce è stata pubblicata in Laura, Primi, Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *